Botulismo che cos’é e perché é così letale: i segnali che devono far correre al pronto soccorso

Il Botulismo è una malattia che fa preoccupare perché letale. Ci sono alcuni segnali allarmanti che devono far correre al pronto soccorso: ecco quali sono e cosa sapere.

Lo stato di salute di ogni persona è fondamentale e per questo è necessario conoscere e approfondire tutte le malattie, riconoscendone così i sintomi e avendo le giuste informazioni per intervenire prima che sia tropo tardi.

Botulismo: che cos'è
Le informazioni sulla malattia – targatosa.it

Il botulismo è una malattia paralitica rara ma grave causata da una neurotossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum. Nell’essere umano questa patologia è causata principalmente da quattro dei sette tipi di batteri Clostridium botulinum, vale a dire i tipi A, E, raramente F ed eventualmente G.

Esistono nel mondo quattro forme di botulismo riconosciuto in ambito medico e sono quello di origine alimentare, quello contratto da infortunio, quello infantile e quello mediante colonizzazione dell’intestino adulto. Tutte le forme di tale patologia possono essere fatali e sono considerate un’emergenza medica. Proprio per questa ragione è necessatio conoscerne e riconoscerne i sintomi.

Botulismo: ecco i sintomi della malattia

Il botulismo è molto pericoloso se non viene trattato in modo tempestivo, perché potrebbe portare alla morte. La tossina botulinica agisce bloccando quelle che viene definita la trasmissione dei segnali nervosi ai muscoli e quindi causa la paralisi. Una situazione che può influenzare i muscoli vitali, ovvero quelli che sono fondamentali per la respirazione.

Botulismo: sintomi riconoscere malattia
Tutti i sintomi per riconoscere la malattia – targatosa.it

I sintomi della malattia che dovrebbero allarmare all’istante e che dovono spingere le persone a correre al pronto soccorso sono i seguenti: visione doppia e offuscata; palpebre cadenti; difficoltà nel parlare e a deglutire; bocca asciutta; debolezza muscolare e poi paralisi flaccida, simmetrica, discendente.

Se non trattati, questi sintomi possono progredire fino alla paralisi del collo, delle braccia, dei muscoli respiratori, del torace e delle gambe. Nel caso più estremo questi sintomi provocano la morte del paziente. Se diagnosticato precocemente, il botulismo di origine alimentare e quello acquisito attraverso lesioni possono essere trattati con un’antitossina che può fermare il peggioramento delle condizioni.

Per prevenire la malattia bisogna usare metodi sicuri di conservazione e preparazione del cibo che viene consumato. È poi importante seguire delle rigorose norme igieniche per evitare la contaminazione degli alimenti. Non mangiare gli alimenti che provengono da lattine che presentano perdite o rigonfiamenti.

Coloro che sono abituati a consumare quotidianamente cibi in scatola, ma anche coloro che lo fanno sporadicamente, dovrebbero far bollire il contenuto per dieci minuti prima di mangiare questi alimenti per garantirsi la massima sicurezza.

Impostazioni privacy