Come riconoscere subito le castagne tossiche: attenzione a questi segnali

Ci sono dei segnali per riconoscere le castagne tossiche. Fare attenzione ad alcuni particolari per evitare rischi per la salute: ecco che cosa sapere.

L’autunno è la stagione delle castagne, dove in molti si riuniscono per mangiarle insieme al vino novello. Tuttavia, bisogna saper riconoscere quelle buone da quelle non commestibili.

Le castagne pericolose
Come riconoscere le castagne tossiche (TargatoSa.it)

La castagna non è solo una moda autunnale, ma è anche un alimento con enormi benefici per la salute di ogni persone. Si tratta di un cibo che contiene magnesio, potassio e antiossidanti, tutti elementi essenziali per la salute cardiovascolare. Inoltre, ha anche la proprietà di ridurre il tasso di colesterolo nel sangue.

Le castagne sono anche ricche di fibre e amido, povero di lipidi, portano rapidamente una sensazione di sazietà, quindi vanno bene anche per chi è a dieta. L’unico accorgimento che bisogna fare è cercare di riconoscere subito le castagne tossiche da quelle buone.

Riconoscere le castagne tossiche: ecco come fare e a quali segnali fare attenzione

Non è complicato riconoscere le castagne tossiche da quelle buone. Basta conoscere le differenze più importanti così da non sbagliarsi e andare a colpo sicuro. È una situazione opposta a quanto accade con i funghi che alle volte confondersi è molto semplice in quanto sono simili.

Riconoscere castagne tossiche: caratteristiche
Le caratteristiche per riconoscere le castagne non commestibili – targatosa.it

Le castagne considerate commestibile sono quelle che vengono raccolte a un’altezza che varia tra i 300 e 1200 metri e si trovano nei boschi. Sono sempre contenute in gruppo dentro un riccio nel quale sono presenti in genere due o tre castagne, una è grande e le altre sono più piccine.

Per quanto riguarda le castagne tossiche si trovano nelle strade, nei parchi o nei giardini di città, ma si possono raccogliere anche in pianura o in altura. Si tratta di castagne che sono per lo più semi dell’ippocastano, una pianta ornamentale che si mette per creare delle zone d’ombra.

Il riccio è verde e le punte sono corte e distanziate, in genere racchiude un solo frutto al suo interno, che si presenta in una forma rotonda, lucida e grossa. A differenza delle castagne buone, queste non sono piccole e non presentano un ciuffo apicale.

Bisogna fare grande attenzione, perché mangiare le castagne tossiche provoca intossicazione. Se l’intossicazione viene sottovalutata potrebbe far sorgere problemi seri come lesioni intestinali e renali. I sintomi ai quali prestare attenzione sono i seguenti:

  • Vomito e nausea
  • Diarrea
  • Disturbi digestivi
  • Dolori addominali
  • Irritazione alla gola

In tutti questi casi, la prima cosa da fare è andare subito al Pronto Soccorso.

Impostazioni privacy