Sosta con disco orario, così si stanano i furbetti: il trucchetto che usano i vigili urbani, fioccano le multe

La sosta con disco orario sicuramente è un mezzo utile per evitare che non si trovi parcheggio nelle zone più trafficate. Di sicuro anche voi avrete spostato l’ora in avanti dopo finito il tempo, i vigili usano però un trucchetto.

I furbetti saranno puniti dunque da questa trovata che i vigili hanno capito come applicare con attenzione e senza farsi scovare. Andiamo a scoprire il tutto più da vicino.

Disco orario, la sosta
Sosta con disco orario (TargatoSa.it)

Spesso il disco orario va inserito in quelle zone dove sono presenti molti negozi e dove si vuole favorire il via vai delle persone. Sarà capitato di certo anche a voi di utilizzarlo, andare a fare delle commissioni e poi tornare di corsa per evitare la multa da parte delle forze dell’ordine.

Inutile nascondersi, anche a voi sarà capitato poi di aver bisogno di ulteriore tempo e dunque di tornare all’autovettura e spostare in avanti il disco e guadagnare tempo. Anche se molti pensano che questa operazione sia totalmente corretta invece è perseguibile dalla legge con una multa salata tanto quanto chi lascia la macchina nel posto di parcheggio dopo che è scaduto il tempo.

Il trucco dei vigili contro i furbetti

Da Corbetto in provincia di Milano, come racconta Virgilio.it, arriva la testimonianza di una persona che è stata colpita da una multa dopo che aveva spostato il disco orario rimanendo comunque sempre nei tempi di scadenza. Tornando a casa questa persona si era resa conto di un segno con un gessetto sulle gomme dell’auto. Inizialmente era difficile capire di cosa si trattasse, anche perché la macchina non era danneggiata, dopo però sono sorti i sospetti e arrivate le conferme.

Disco orario multa
Automobili, multa (TargatoSa.it)

Quando è stata recapitata a casa di questo individuo una multa per errato uso del disco orario. Proprio attraverso il segno di gessetto sulle quattro ruote i vigili si erano resi conto che il disco era stato spostato avanti. I segni hanno dunque fatto capire al collega passato dopo che c’era stato questo uso scorretto. Il testimone ha specificato: “In seguito mi è arrivata a casa una multa per divieto di sosta con riferimento all’errato uso del disco orario. Allora ho capito, improvvisamente, cosa potevano essere quei segnetti fatti col gessetto”.

Un trucco dunque ha permesso ai vigili di stanare chi aggirava la legge con uno stratagemma altrettanto studiato. State dunque attenti quando parcheggiate la vostra automobile e fate attenzione a non commettere errori perché poi il conto da pagare potrebbe essere davvero molto salato.

Impostazioni privacy